UNESCO in musica a Barumini ‘su Nuraxi’ 30 aprile

UNESCO in musica a Barumini ‘su Nuraxi’ il 30 aprile

Ultimo appuntamento di UNESCO in musica in Sardegna e del progetto Jazzisland for UNESCO è quello del sito archeologico di Su Nuraxi di Barumini.

A partire dalle 18.30 sito risuonerà delle suggestive note dei Plus 39 e del duo compostoBarumini da Roberto Cipelli al pianoforte e da Tino Tracanna al sassofono in occasione dell’International Jazz Day promosso dall’UNESCO grazie al contributo dell’Ente Musicale di Nuoro insieme a MIBACT, Fondazione di Sardegna, Regione Autonoma della Sardegna e alla collaborazione del Polo museale della Sardegna, del Comune di Barumini e della Fondazione Barumini-Sistema Cultura. Per tutta la giornata sarà possibile visitare il sito con le visite guidate a tariffa ridotta. È fortemente consigliata la prenotazione delle visite. L’ingresso al concerto è gratuito e limitato a 300 persone.

Plus 39 

composti da Fabiana Manfredi, Federica Muscas (voce), Luca Zennaro (chitarra), Vittorio Esposito, Stefano Zambon (contrabbasso) e Francesco Parodi (batteria) – sono un sestetto nasce nell’estate del 2017 ai seminari Nuoro Jazz, dove i sei ragazzi hanno l’occasione di conoscersi e dove sono stati scelti per formare questo gruppo in qualità di migliori studenti dei corsi Il repertorio proposto è formato da brani originali di ciascun componente, dove la matrice jazzistica moderna rimane ben presente ma viene affiancata da influenze soul ed R’n’B. Le due voci, peculiarità di questa formazione, vengono trattate come veri e propri strumenti a fiato, creando così armonizzazioni e linee contrappuntistiche, sostenute ritmicamente da piano, contrabbasso e batteria e coloristicamente dalla chitarra.

I giovani e talentuosi Plus 39 verranno seguiti da un duo di grande prestigio costituito dal pianoforte di Roberto Cipelli e dal sassofono di Tino Tracanna: due autentici protagonisti della scena jazzistica italiana con un vasto bagaglio di esperienze, comprese quella di docenti ai Seminari jazz di Nuoro e l’ultratrentennale militanza nel quintetto “storico” di Paolo Fresu (di cui Cipelli è co-fondatore).

L’evento sarà l’occasione per poter visitare, accompagnati da guide, il sito archeologico.

Autore dell'articolo: entemusicaledinuoro